Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Tu sei qui: Home

Musei Civici Imola

Focus on
09/04/2014

NOT ME

l’arte di Silvia Celeste Calcagno - dal 12 aprile al 29 giugno 2014

l’arte di Silvia Celeste Calcagno - dal 12 aprile al 29 giugno 2014

Not me - Silvia Celeste Calcagno

Dal 12 aprile al 29 giugno 2014

Sabato 12 aprile 2014 nel Museo di San Domenico di Imola alle ore 18 verrà inaugurata “Not me”, la mostra di Silvia Celeste Calcagno, a cura di Luca Beatrice, promossa dall’Assessorato alla Cultura della Città di Imola/Musei civici e la Galleria Pomo da DaMo contemporary art di Imola in collaborazione con la Galleria PH Neutro Fotografia-Fine art di Pietrasanta.

Un viaggio artistico intenso che si snoda nel centro storico di Imola, dal Museo di San Domenico alla Galleria Il Pomo da DaMo, e nasce da un lungo studio dell’artista sul “genius loci”, in un intersecarsi tra l’arte antica e moderna della collezione permanente del Museo e il linguaggio contemporaneo della Calcagno. Durante l'inaugurazione della mostra sarà presentata una monografia dell’artista a cura di Luca Beatrice, edita da Silvana Editoriale.

Info su: Il Pomo da DaMo | cartellone.comune.imola.bo.it | www.facebook.com


05/11/2013

Il Segno della Memoria

Arte per Piazza Matteotti - Opera interattiva partecipata per proiezioni, immagini e ricordi

Arte per Piazza Matteotti - Opera interattiva partecipata per proiezioni, immagini e ricordi

Domenica 3 novembre 2013, all’interno della Festa dell’unità nazionale e giornata delle Forze armate, è stata inaugurata in Piazza Matteotti l’opera di Studio Azzurro Il segno della memoria vincitrice del concorso “Arte per Piazza Matteotti”.

Il segno della memoria è un’opera immateriale e consiste nella proiezione sulla pavimentazione della Piazza di storie composte da immagini e brevi testi che prendono avvio dalla Grande Guerra e che sono state raccolte in archivi privati e pubblici.
L'opera occupa uno spazio in modo intangibile, virtuale; chiede discretamente nutrimento e lo fa con labbra di luce, quasi sussurrando.

L'opera sarà visibile tutte le domeniche sera ed i cittadini potranno continuare ad arricchirla e farla vivere portando al Museo di San Domenico le loro memorie, le loro immagini e i loro documenti perché siano acquisiti e digitalizzati, divenendo parte integrante della proiezione. Si è aperto infatti un percorso per costruire, rinnovando anche la collaborazione con le scuole, la celebrazione nel 2014 del centenario della Grande Guerra.

 


 

Ultimo aggiornamento: 16/12/2011 15:51